SEI IN > VIVERE CATANIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

L'ex Auro diventerà un innovativo centro servizi turistici

3' di lettura
66

"Un'iniziativa dal forte valore simbolico, che restituisce alla città un'area stupenda che era stata occupata illegalmente, e avvia un percorso virtuoso di sviluppo turistico grazie a un concorso di progettazione, con benefici per l'indotto come per i tanti turisti che arrivati in città troveranno subito un meraviglioso biglietto da visita".

Lo ha detto il sindaco Enrico Trantino nel corso della presentazione, nel Palazzo della Cultura, dei cinque progetti finalisti del concorso di progettazione per i "lavori di ristrutturazione di un fabbricato da adibire a Centro Servizi turistici per il territorio e fornitura di un sistema di orientamento e conoscenza turistica (Soct), presso via Santa Maria del Rosario (ex Centro Sociale Auro)", già Monastero di Sant'AGata.

Erano presenti con il primo cittadino, intervenuto anche nella veste di assessore alla Cultura, l'assessore ai Lavori pubblici e Politiche comunitarie, Sergio Parisi e i direttori degli uffici competenti, Fabio Finocchiaro e Paolo Di Caro con l'ing. Claudia Provenzano, il presidente del Consiglio comunale Sebastiano Anastasi, il docente universitario di composizione architettonica Nino D'Urso, presidente della Commissione tecnica che si è occupata della selezione del progetto vincitore, sui 58 partecipanti al bando, curato da questi professionisti: arch. Fabrizio Occhipinti Amato, ing. Giuseppe Cicero, ing. Gloria Domenica Testa, arch. Salvatore Terranova, arch. Sebastiano Di Mauro, arch. Laura Pediglieri. Nella sala conferenze erano presenti diversi rappresentanti degli ordini professionali degli ingegneri, degli architetti e dell'Ance.

"Mi complimento con i vincitori – ha detto il sindaco Trantino - ma anche con gli altri finalisti, in quanto tutti questi cinque progetti che ho avuto modo di visionare mostrano una bellissima trama architettonica e confermano la validità della nostra scelta riguardo al concorso di progettazione, che ha dato risultati eccellenti e contribuisce a quel percorso di rinascita della città su cui stiamo puntando. Adesso si passerà subito alla fase della progettazione esecutiva e quindi dell'esecuzione, sperando che ci sia un'accelerazione".

L'assessore Parisi ha evidenziato come "a conclusione di tutto l'iter, frutto di sinergie fortemente sostenute dal sindaco Trantino - e con alcuni processi avviati da Salvo Pogliese e dalla ex collega Mirabella- si avrà nel cuore della città un centro servizi per il territorio con la fornitura di un sistema di orientamento e conoscenza turistica ad alto impatto tecnologico, in linea con i principi di sostenibilità ambientale e in armonia con le esigenze di valorizzazione del trasporto pubblico e di fruizione del patrimonio culturale da parte di cittadini e visitatori, grazie anche al lavoro del funzionario comunale Carmelo Coco".

Il presidente Anastasi, presente con il responsabile della Commissione consiliare Cultura Giovanni Magni, ha rimarcato la vicinanza del senato cittadino a tutte quelle iniziative, dalle sociali alle culturali, a favore della città. La presentazione dei progetti è stata introdotta dal presidente della Commissione tecnica, Nino D'Urso -che ha definito le proposte tutte di rilievo, soffermandosi sul progetto vincitore, caratterizzato secondo la commissione da "sobrietà, eleganza e leggerezza", con un importante connubio di conservazione e innovazione "per compendiare le istanze della Catania contemporanea".

I cinque progetti finalisti, tutti esposti su pannelli collocati nella corte del Palazzo della Cultura, sono stati illustrati dai team di architetti e ingegneri che li hanno predisposti. L'intervento di recupero dei locali dell'ex Monastero femminile di Sant'Agata (attigui alla Badia), denominato "Catania Inside. Innovazione, Cultura, Turismo, Mobilità", redatto dalle direzioni comunali Cultura e Politiche comunitarie, è stato finanziato dal Ministero delle Infrastrutture per un importo pari a 9.570.000 euro, di cui 870 mila per la progettazione esecutiva e le azioni complementari, a valere sui fondi del Programma di Azione e Coesione (Pac) Infrastrutture e Reti 2014/2020. La progettazione esecutiva sarà consegnata entro 60 giorni, in estate sarà bandita la gara per l'esecuzione dei lavori, il cantiere aprirà nel prossimo autunno.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2024 alle 17:57 sul giornale del 16 marzo 2024 - 66 letture






qrcode